Chinese “Dou Gong” Brackets (sistema mensolare o bracket set)

Il Dou Gong o Bracketing è una caratteristica unica dell’architettura in legno cinese poi traferita anche a quella giapponese. Il complesso mensolare è posto tra la colonna e la trave e il tetto. Una specie di capitello orientale ma dalla forma molto più ramificata. Ordine dorico cinese.

dougong complesso mensolare

L’articolazione mensolare svolge un ruolo multifunzionale che copre i requisiti di struttura e costruzione, oltre ad essere una componente essenziale delle qualità estetiche dell’intera costruzione.

“il dou gong è il protagonista, un ruolo così importante che nessuno studio dell’architettura cinese è fattibile senza una comprensione approfondita di questo elemento, caratteristica dominante dell’ordine cinese”, sottolinea Liang Sicheng

 Il “complesso mensolare” (bracket set o bracketing)

L’importanza del Dougong deriva dalla sua funzione all’interno della struttura multipiano a telaio in legno. I sistemi a mensola, collegano colonne verticali con travi orizzontali, forniscono un cuscino aggiuntivo allargando l’area portante, sostengono la gronda sporgente del tetto sollevato e rendono l’edificio più resistente ai terremoti. Il Dou Gong con la linea di gronda permette una maggiore luce del tetto. Quindi, la prima funzione delle mensole è quella di sostenere il tetto e di estendere la grondaia.

Inoltre, il complesso mensolare ed i suoi elementi costituenti, sono stati importanti riferimenti per la progettazione degli edifici: a partire dal 420 d.C. (dinastie del Nord e del Sud), nella costruzione di strutture in legno si sviluppò un sistema modulare standardizzato, in cui tutte le parti dell’edificio erano generate come multipli del modulo base. Uno di questi moduli era la larghezza del braccio della mensola (cai 材 in Song carpentry; doukou 斗口 in Qing carpentry). Un altro era l’interasse tra due Dougong (cuandang 攒档 in Qing carpentry). Si può fare un parallelo con l’architettura occidentale, laddove l’ordine (dorico, ionico, corinzio) era misura e proporzione dell’intero edificio. Qui troviamo, nello stesso ruolo, il Dougong.

Un complesso mensolare è un gruppo di blocchi di legno (dou) e di braccioli corti (gong) tagliati in modo che si bloccano e formano un’unità quando impilati insieme. I dougong sono assemblati pezzi per pezzo nel piano-parete, di solito sulla parte superiore di una colonna o di una trave.  La base del giunto è un grande blocco quadrato (dou) sulla sommità della colonna. Ci sono incastonate due braccia incrociate (gong) che si diffondono in quattro direzioni. Le estremità di ciascun braccio portano i blocchi di supporto su cui poggia il braccio successivo. Ogni braccio successivo è più lungo del braccio sottostante e si diffondono nelle quattro direzioni per sostenere i membri superiori in equilibrio. Il set di mensole cresce in alternanza a passi verso l’alto e verso l’esterno. Le braccia sporgenti (hua gong) salgono a livelli (salti) e si estendono verso l’esterno a gradini dal grande fulcro del blocco per sostenere il peso delle gronde sporgenti. Un dougong può avere fino a cinque livelli di braccia di staffe. Il braccio superiore supporta una trave o un arcareccio. I bracci a sbalzo lunghi chiamati ang scendono dalla sovrastruttura interna, bilanciano il fulcro e si estendono attraverso i set di staffe per supportare gli arcarecci più esterni.

dougong assemblaggio parti

I sistemi a mensola assolvono a 4 funzioni principali:

  • sostenere il tetto ed estendere la grondaia
  • ridurre le luci delle travi tra le colonne
  • rinforzare le sezioni delle pareti sopra le colonne
  • rafforzare la struttura aumentando il numero di connessioni tra i membri

Tutte queste connessioni di carpenteria donano unità al telaio, lo rendono più resiliente senza diventare rigidi. Questa falegnameria è flessibile e anche un pò elastica, in parte perché il legno è per sua natura resiliente, e in parte perché, mentre la piccola carpenteria richiede una lavorazione aderente e minuziosa, l’edilizia su vasta scala utilizza una carpenteria allentata. La filosofia cinese della costruzione è simile al Tai Chi. La forza di un attaccante o di un terremoto non è affrontata né resistita. Una persona ostacola l’attaccante. Un edificio si flette e lascia passare la forza. I set di staffe possono quindi offrire una capacità di assorbimento degli shock. In una regione soggetta a terremoti come l’Asia, le mensole possono aiutare gli edifici a sopravvivere.

Storia: origini ed evoluzione del Dou gong

Per studiare gli elementi dettagliati del dou gong, è utile comprendere il suo sviluppo e la sua struttura. Dalla prima apparizione del dou gong nel periodo degli Stati combattenti (circa 475 a.C. – 221 a.C.), si sviluppò e cambiò fino al momento in cui fu scritto Ying Zao Fa Shi. Questa guida ha delineato una descrizione relativamente sistematica e ha stabilito uno standard. Più tardi nella dinastia Ming (1368-1644) e nella dinastia Ching, fu ulteriormente sviluppato in un artefatto più complesso. Oltre al formato, anche il nome dei componenti del dou gong è cambiato durante lo sviluppo.

Il Dougong ha origini molto antiche, che vanno di pari passo con la storia dell’architettura cinese. Le prime testimonianze in Cina risalgono al 1100 a.C. Queste prime mensole funzionavano solo lungo il piano della parete (sotto la grondaia) o parallelo al piano della parete (sotto gli arcarecci). Inizialmente, erano semplici cuscini che agivano come capitelli tra la colonna e l’architrave, o sostenevano travi orizzontali sopra l’architrave.

Le braccia sporgenti sono apparse approssimativamente durante il periodo Han Orientale (100 d.C.). Gli architetti cinesi adattarono le mensole per funzionare perpendicolarmente al piano a parete come travi a sbalzo. Estendendo le braccia sporgenti verso la parte anteriore e posteriore, il sistema mensolare ha cambiato la sua caratteristica di estensione esclusivamente laterale e ha iniziato ad estendersi in due direzioni: parallele o perpendicolari al piano di parete.

fasi storiche dou gong

Di conseguenza, il sistema mensolare sosteneva gronde, travi o arcarecci lungo le due direzioni e permetteva di estendere ulteriormente il piano della parete. Con questa nuova funzione strutturale, in seguito si sviluppò una forma sempre più ampia in cui le braccia sporgenti sovrapposte si estendevano una dopo l’altra, e ogni strato tendeva ad essere intersecato da uno o due strati di braccia incrociate sedute alle estremità in un orientamento perpendicolare.

La conseguenza delle proiezioni delle braccia sporgenti e delle loro intersezioni con le braccia laterali è che un intero set di mensole ha assunto l’aspetto di un fiore in piena fioritura quando visto dal lato anteriore, laterale o dal basso. A questo punto, il set di mensole diviene un grappolo tridimensionale di elementi.

dou gong cluster

“Durante le dinastie Tang, Liao e Sung (600-1200 d.C.), l’arte del bracketing raggiunse il suo apice. I costruttori volevano erigere strutture più grandi. Ingrandiscono gli elementi (colonne, travi, travi) mantenendo le stesse proporzioni. Il formato dell’edificio di base, cioè un piano rettangolare più ampio di quello che racchiude un unico spazio, non cambia. Il tetto e la tettoia (grondaia) dovevano essere proporzionalmente più grandi. I costruttori dovevano capire come costruire una grossa gronda. Così hanno inventato un sistema di mensole più ampio che poteva sbarrare più in là dal piano del muro e hanno aggiunto un nuovo membro strutturale, la trave di gronda, per portare i travi al di là della parete. Ecco! Gronda più ampia. Così i costruttori sono stati in grado di preservare l’effetto grazioso, quasi galleggiante del tetto curvo.” Richard Wiborg

La metafora dell’architettura cinese

Nello YZFS (Yingzao Fashi), alcuni elementi sono definiti in base alle loro posizioni e funzioni strutturali, ma altri sono denominati in base alle loro rilevanti caratteristiche fisiche.

Nella particolare nomenclatura di bracketing utilizzata nello YZFS, due dei termini per i bracci di staffa che sporgono da una colonna o dal piano del muro sono huagong 華 栱 (braccia di fiore) e miaogong 杪 栱 (braccia di ramoscello). Bracci sporgenti come “rami di fiore” e complesso mensolare come un “Mazzo di fiori”.

origini dougong
mensole, braccia sporgenti come rami (Jiren Feng, Chinese  Architecture and Metaphor: Song Culture in the Yongzao Fashi Building Manual, Fig. 4.12)
like flower branches
sistema a mensola simile ai fiori: (a) struttura botanica di un fiore; (b) vista frontale di un bracket set; (c) forma del carattere cinese “hua”

L’uso di huagong (華栱) è cruciale nell’estendere la staffa in avanti e verso l’alto per sostenere la grondaia sporgente. La sua importanza è ulteriormente specificata nello standard dello Yingzao Fashi, almeno uno di questi bracci sporgenti è necessario per creare un set completo di staffe, chiamato Yiduo (一朵), letteralmente un grappolo o mazzo di fiori.

Un’attenta lettura del testo (Yingzao Fashi), rivela che un numero impressionante di termini per il bracketing nello YZFS incorporava effettivamente la nomenclatura botanica (fiore o albero).
Questi termini possono essere suddivisi in tre categorie: (1) termini per elementi, (2) termini per unità composite, (3) termini per i metodi di combinazione degli elementi individuali. Sottolineo questi termini in forma tabellare (tabella 2).

TerminiSignificato letteraleProprietà strutturali   
ELEMENTI INDIVIDUALI
huagong 華栱 braccia di fiori, braccia fioritebraccia sporgenti, protese verso la parte anteriore e posteriore
juantou 卷頭testa scorsabraccia sporgenti
miaogong 杪栱braccia ramificate, sugli alberibraccia sporgenti
yimiao 一杪 danmiao 單杪un ramo, ramo singolo (spray)un braccio sporgente
liangmiao 兩杪 shuangmiao 雙杪due rami, rami doppi (sprays)due braccia sporgenti
yizhi 一枝ramo singolo (spray)un braccio sporgente
ye 葉foglia (o petalo)braccia incrociate, solitamente perpendicolari alle braccia sporgenti
ying'ang 英昂fiore o petalo a sbalzo (mensola)mensole sporgenti dal piano della parete
huatouzi 華頭子testa di fioremontare sotto una mensola rivolta verso il basso; un braccio sporgente incompleto la cui testa è tagliata da una mensola discendente
huaxindou 華心枓blocco fiore-cuoreblocco installato al centro di un braccio
dinghua mohaigong 丁華抹頦栱Piccolo fiore a forma di "mento"braccio di mensola sporgente incompleto posizionato tra due bracci del sostegno a forma di V rovesciato sotto un arcareccio a cresta
UNITA' COMPOSITE
duo 朵fiore, grappolo di fiorimisurazione per il conteggio di un intero set di staffe che include almeno un braccio sporgente
yiduo 一朵 liangduo 兩朵un fiore, due grappoli di fioriuno o due sistemi mensolari
METODI DI COMBINAZIONE DEGLI ELEMENTI
chuyizhi 出一枝singolo ramo sporgentemetodo con cui il braccio si proietta dal piano della parete
zhuanye 轉葉foglie rotantimetodo con cui le bracciatrasversali sono installate sulla testa di un braccio sporgente
buzhuanye 不轉葉senza foglie rotantimetodo in cui un braccio sporgente non supporta bracci trasversali

Il giunto “a croce” (huaxindou) è usato laddove, dove due pezzi si uniscono ruotati tra loro di direzione.

bracket set huaxindou

Un grappolo di mensole più complesso avrebbe più membri in legno identificati con associazioni botaniche: zhuanye (foglie rotolanti), huaxindou (blocco del fiore-cuore), huatouz (fiore-testa), ecc. Mentre alcune di queste associazioni sono state fatte sulla base della somiglianza visiva, atre in base alle loro posizioni o funzioni strutturali. Attingendo dall’analogia botanica in quanto tale, la complessità visiva e la sofisticatezza tecnica dei dougong sembrano trasformare l’edificio in legno in una struttura organica a forma di fiore.

Regole di misura nello Ying Zao Fa Shi (Liang, 1985)

I moduli usati in Ying Zao Fa Shi sono Cai (chiamato “ts’ai” nel passato) e Qi (chiamato “ch’i” nel passato). Come accennato in precedenza, lo spirito di questo libro è “la regola del materiale”. Il termine Cai ha un duplice significato. Innanzitutto, si tratta di un legname di dimensioni standard utilizzato per il gong, o “braccio” del dou gong. Ci sono otto gradi di tale legname, che sono determinati dal tipo e dal grado ufficiale dell’edificio.  In secondo luogo, Cai è un’unità modulare per la misurazione.

La profondità di ogni Cai è divisa in quindici lunghezze uguali e la larghezza del Cai è divisa in 10 lunghezze uguali, ciascuna delle quali è detta fen.

Ogni misura nell’edificio, ad esempio, l’altezza e la larghezza dell’edificio, le dimensioni di ogni membro della struttura, l’altezza e la curva della linea del tetto, possono essere misurate in termini di fen. Quindi, in base al grado del Cai, fen può essere convertito anche in valori assoluti.

Un set di misurazione costituito da un Cai e un Qi in altezza è chiamato “Zu Cai“, significa materiale intero.

La Figura mostra anche la dimensione del Qi: alta 6 fen e larga 4 fen. Le misure e le proporzioni di un edificio nella dinastia Song (960 -1279 d.C.) sono espresse in base a queste regole.

dougong misura standard proporzione

Le  dimensioni e la forma di una trave variano a seconda della sua funzione e posizione. La forma potrebbe essere dritta o leggermente arcuata. La circonferenza di una trave può variare a seconda della sua lunghezza, ma la regola stabilisce che la sezione trasversale mantiene sempre, un rapporto di 15:10 o 3: 2, tra la sua profondità e larghezza usando il modulo di Cai.

Tipi di dougong

A seconda della posizione all’interno dell’edificio, ci sono principalmente tre tipi di dou gong:

  • Zhuan Jiao Pu Zuo (dou gong d’angolo, collegato con la colonna, sostiene la trave angolare e l’angolo del tetto, e questo è il maggiore componente di struttura)
  • Bu Jian Pu Zuo (dou gong non all’angolo, non si collega con la colonna, questo è il componente di supporto dell’assistente)
  • Zhu Tou Pu Zuo (dou gong non all’angolo, collegato con la colonna, è il supporto principale del carico di gronda).
dou gong
Principali tipi di dougong (Liang, 1984)

La misura della dimensione del dou gong è Pu Zuo e normalmente ci sono da quattro a sette Pu Zuo dou gong. All’interno di ogni dou gong, quindici elementi chiave possono essere riassunti in tre categorie: dou, gong e ang. Dou è il blocco sotto, la base che da supporto al gong, o è posto sopra alle due estremità del gong in modo da fornire un’estensione ad uno strato superiore del gong. Gong è il braccio a staffa lunga supportato da dou e per estendere orizzontalmente l’area dell’intera struttura. Ang si comporta come una leva di equilibrio all’interno dell’articolazione.

I dettagli dei quindici elementi chiave e gli ordini complessivi di assemblaggio sono qui illustrati. Vediamo un cinque Pu Zuo dou gong nella Dinastia Song basato su Yingzao Fashi, poiché è complesso abbastanza da mostrare chiaramente tutti i componenti principali, senza troppe ripetizioni di ciascun componente.

componenti dou gong
Componenti del dougong (modificato dall’autore sui disegni di Liang)
dou gong digitale
Rappresentazione digitale dei componenti del dougong

—————————————————————————————————————————————–

BIBLIOGRAFIA

ilcarpentiere

Architetto per caso, creativo per vocazione. Sogna una dimora autocostruita, ecologica, a basso impatto ambientale, fatta di materiali naturali. Prodotta dalla natura, per tutti. Ama la montagna e il trekking. Pioniere del muoversi in bicicletta nel traffico romano, considerato pazzo, o eroe.
ilcarpentiere

Aggiungi i tuoi commenti

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: